Roberto Manini è il nuovo Responsabile della Direzione Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale di Cedacri

Manini entra in Cedacri per assumere la responsabilità della Direzione che coordina la gestione della relazione con tutti i clienti e le attività di business development a livello di Gruppo

Collecchio (Parma), 10 luglio 2013 – Il Gruppo Cedacri, focalizzato sullo sviluppo di soluzioni di outsourcing applicativo, infrastrutturale e di processo, annuncia la nomina di  Roberto Manini a Responsabile della Direzione Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale di Cedacri. In tale funzione, Manini riporta direttamente al Direttore Generale, Salvatore Stefanelli.

Nel suo ruolo, Manini assume la responsabilità della struttura organizzativa deputata a coordinare la gestione della relazione con tutti i clienti e prospect a livello di Gruppo. Manini con la sua struttura ha l’obiettivo principale di rafforzare la vicinanza del Gruppo Cedacri a ciascun cliente nel corso di tutta la relazione, ritagliando un servizio su misura di ciascun cliente, per permettergli di trarre il massimo beneficio dal modello di business di Cedacri. Il Gruppo, infatti, è in grado di offrire un portafoglio di soluzioni di outsourcing unico sul mercato italiano per ampiezza e profondità: dai servizi di full outsourcing informatico alla gestione esternalizzata delle infrastrutture IT, dall’outsourcing delle soluzioni applicative ai servizi di system integration, dalla gestione esternalizzata dei processi di business ai servizi di carte di pagamento, fino a quelli di business information e di valutazione immobiliare.

Roberto Manini è alla guida di una struttura particolarmente importante, che funge da raccordo fra le diverse anime del Gruppo Cedacri e i singoli clienti, affinché gli sforzi che ogni giorno compiamo sul fronte dell’innovazione e della qualità del servizio siano perfettamente allineati alle esigenze delle banche e delle aziende che ci hanno scelto”, dichiara Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri. “Roberto Manini è un professionista di solida esperienza nel settore bancario, a favore del quale ha operato nel corso degli anni in qualità di consulente di altissimo profilo. Sono certo che, forte di questo bagaglio, Roberto saprà rafforzare ulteriormente la nostra leadership e la nostra capacità di rispondere in maniera puntuale a ogni necessità dei nostri clienti”.

Classe 1964, originario di Reggio Emilia, Manini entra in Cedacri nel luglio 2013 dopo aver ricoperto la funzione di Vice Presidente di Cap Gemini Italia per sei anni con la responsabilità dei clienti del mercato bancario.

A questo ruolo era giunto dopo diversi anni di esperienza in ambito consulenziale in società quali  Ekon e Iriscube, mantenendo sempre il focus nel settore finanziario. Ha iniziato la sua carriera professionale in Credem, dove nel corso degli anni ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità.

Manini ha conseguito una laurea in Economia presso l’Università di Parma e un master in Corporate Finance presso la SDA Bocconi di Milano.

Annunci

Commenti disabilitati su Roberto Manini è il nuovo Responsabile della Direzione Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale di Cedacri

Archiviato in Comunicati Stampa

27 giugno: attivata convenzione con Cedacri per start up e trasferimento tecnologico

E’ stato presentato anche il bando Cedacri Young Lab per studenti e laureati dell’Ateneo

Parma, 27 giugno 2013 – E’ stata firmata stamattina dal Rettore Gino Ferretti e dal Direttore Generale Cedacri Salvatore Stefanelli la convenzione tra l’Ateneo di Parma e Cedacri SpA di Collecchio (PR) finalizzata allo sviluppo di progetti di innovazione, trasferimento tecnologico, formazione e ricerca per studenti, laureati e dottorandi dell’Ateneo.

Tra i relatori anche il Dirigente della VI Area dell’Ateneo – Ricerca e Sistema Bibliotecario e Museale, Barbara Panciroli.

La convenzione consentirà di instaurare un rapporto di collaborazione tra i due enti nel quale le attività di didattica e ricerca dell’Università e le attività del Cedacri potranno integrarsi e coordinarsi nei seguenti ambiti:

  • sviluppo di progetti per la costituzione di start up innovative che permettano di migliorare la qualità dei servizi dell’outsourcing con, tra gli attori principali di tali processi, studenti, neo laureati e dottorandi dell’Ateneo;
  • progetti di trasferimento tecnologico finalizzati alla produzione di soluzioni innovative specifiche per le esigenze del  mercato;
  • progetti di formazione e ricerca su diverse tematiche ritenute strategiche dai due enti.

Nel corso della conferenza stampa è stato anche presentato il bando di concorso Cedacri Young Lab finalizzato a premiare le migliori idee progettuali di studenti neo laureati e dottorandi dell’Ateneo e a finanziarne la realizzazione.

 

L’iniziativa Cedacri Young Lab nasce per dare un’opportunità di crescita ai giovani che amano fare le cose con passione e hanno il desiderio di realizzare i loro sogni.

L’investimento sui giovani ha infatti da  sempre rappresentato una costante per Cedacri e, nonostante il momento di difficoltà che attraversa il paese, l’azienda, negli ultimi 3 anni, ha assunto  113 persone.

Al concorso sono ammessi a partecipare studenti, neo-laureati e dottorandi di qualunque corso di studio dell’Università di Parma che non abbiano compiuto i 28 anni di età entro il 31 dicembre 2013.

Tutte le idee progettuali, da far pervenire entro il 15 settembre 2013, saranno valutate entro il 28 settembre 2013 da una commissione costituita da rappresentanti dell’azienda Cedacri, delle banche clienti di Cedacri e da rappresentanti dell’Università di Parma

La selezione delle idee progettuali verrà effettuata principalmente in base ai seguenti criteri:

  • innovazione e originalità del progetto proposto;
  • facilità di applicazione e di impatto.

Le 5 idee progettuali finaliste  riceveranno un premio del valore di  10.000 € e saranno realizzate, nell’arco massimo di un anno, con l’ausilio dei professionisti  Cedacri che, con le loro conoscenze ed esperienza, saranno di supporto per il successo del progetto. Inoltre, Cedacri metterà a disposizione dei partecipanti i locali e la strumentazione tecnologica necessaria.

Per info

http://www.cedacri.it alla voce Cedacri Young Lab

Commenti disabilitati su 27 giugno: attivata convenzione con Cedacri per start up e trasferimento tecnologico

Archiviato in Comunicati Stampa

Cedacri e Tecnoinvestimenti annunciano il nuovo assetto societario di Ribes

Confermando l’annunciata partnership tra i due gruppi, Tecnoinvestimenti S.r.l. acquisisce il 36% del capitale sociale di Ribes S.p.A. di proprietà di Cedacri S.p.A. e diviene così socio di maggioranza dell’azienda con il 75% del capitale sociale. Cedacri rimane nell’assetto societario con il 15% del pacchetto azionario.

Obiettivo dell’operazione è offrire a Ribes nuove opportunità di sviluppo industriale.

Collecchio (Parma) e Roma, 5 giugno 2013 – Il Gruppo Cedacri, focalizzato sullo sviluppo di soluzioni di outsourcing applicativo, infrastrutturale e di processo, e Tecnoinvestimenti S.r.l., la società di Tecno Holding che coordina le Società partecipate dal Sistema Camerale, annunciano la cessione del 36% del capitale sociale di Ribes S.p.A. di proprietà di Cedacri S.p.A. a Tecnoinvestimenti. L’operazione, completata il 20 maggio 2013, porta Tecnoinvestimenti a divenire socio di maggioranza di Ribes, azienda specializzata nel settore del trattamento delle informazioni di business, con il 75% delle quote. Cedacri rimane nell’assetto societario di Ribes, detenendo il 15% del pacchetto azionario.

L’operazione dà seguito a una collaborazione già avviata nel 2012 fra Cedacri e Tecnoinvestimenti, che ha visto quest’ultima accrescere progressivamente il proprio impegno in Ribes con il comune obiettivo di valorizzare le potenzialità di mercato della società ed avviare nuove opportunità sul comune mercato banche-imprese.

Ribes offre a banche e aziende soluzioni informative ad alto valore aggiunto, tra cui analisi immobiliari, visure camerali, controllo sugli eventi negativi, servizi investigativi e di rintraccio, consulenze. L’assetto azionario raggiunto con quest’ultima operazione vuole favorire ulteriormente il percorso di crescita di Ribes attraverso una decisa apertura verso nuovi mercati.

Conservando parte del capitale sociale di Ribes, Cedacri conferma il proprio interesse nei confronti del settore del trattamento delle informazioni di business, nella convinzione che il nuovo assetto societario dell’azienda le garantirà nuove prospettive di sviluppo in un’ottica industriale.

Nell’ottica di Tecnoinvestimenti, l’accordo completa un percorso intrapreso già da tempo, per approdare ad una collaborazione e/o partnership sui servizi e prodotti comuni da offrire al mercato la cui fattibilità sarà esaminata sin dalle prossime settimane. Trattasi di una innovativa ed originale risposta alla crisi che impone a tutti la ricerca di efficienza, innovazione ed offerta al minor costo possibile.

In base agli accordi tra Cedacri e Tecnoinvestimenti, la governance di Ribes è stata ridefinita come segue:

Componenti C.d.A.

  • Giorgio Rapari  – Presidente
  • Pier Andrea Paolo Edoardo Chevallard – Consigliere
  • Fabio Cappon – Consigliere
  • Aldo Pia – Consigliere
  • Sandro Sandri – Amministratore Delegato

Componenti Collegio Sindacale 

  • Lorenzo Ginisio – Presidente del Collegio Sindacale
  • Nicola Zanardi – Sindaco effettivo
  • Luigi Jemoli – Sindaco effettivo
  • Luca Ragazzoni – Sindaco supplente
  • Maurizio Carlo Burnengo – Sindaco supplente

Tecno Holding S.p.A.

Tecno Holding S.p.A. è una società finanziaria partecipata da tutte le Camere di Commercio Italiane, alcune Unioni Regionali e l’Unione Nazionale. La società ha come mission la gestione e lo sviluppo delle subholding controllate operanti, altresì, nel settore della gestione del risparmio. Tecnoinvestimenti S.r.l., costituita nel 2009 e partecipata al 100% da Tecno Holding, è la sub holding che coordina le Società partecipate dal Sistema Camerale. Le Società partecipate da Tecnoinvestimenti sono: INFOCERT S.p.A. (99,99% del pacchetto azionario), ITALCONSULT S.r.l. (20% del pacchetto azionario), AEROPORTI HOLDING S.r.l. (9,24% del pacchetto azionario), SAGAT S.p.A. (6,3% del pacchetto azionario), AUTOSTRADE LOMBARDE S.p.A. (2,141% del pacchetto azionario), SACE S.p.A. (6,341% del pacchetto azionario), RIBES S.p.A (75% del pacchetto azionario).

Commenti disabilitati su Cedacri e Tecnoinvestimenti annunciano il nuovo assetto societario di Ribes

Archiviato in Comunicati Stampa

Cedacri annuncia i risultati del 2012 e delinea le prospettive di sviluppo del business per il 2013-2015

Fatturato e utile in crescita, a fronte di importanti investimenti per lo sviluppo, caratterizzano i risultati del 2012 di Cedacri

Significativi investimenti per l’innovazione previsti per il periodo 2013-2015

 

Collecchio (Parma), 30 aprile 2013 – Cedacri, società leader in Italia per lo sviluppo di soluzioni in outsourcing rivolte al mercato bancario e alle aziende industriali e di servizi, annuncia di aver chiuso l’esercizio fiscale 2012 con un fatturato di 197,3 Mln di Euro, in crescita dell’1,1% rispetto all’anno precedente. L’EBITDA si è attestato a 31,1 Mln di Euro (+25,4% rispetto al 2011), mentre l’utile netto è stato di 7,6 Mln di Euro (+56,1% rispetto al 2011).

Il bilancio consolidato di Gruppo riporta invece un valore della produzione pari a 271,8 Mln di Euro (+2,8% rispetto al 2011) e un utile netto di 7,5 Mln di Euro, in crescita del 38,9% rispetto all’anno precedente.

 

L’esercizio 2012 di Cedacri S.p.A.

 

Nel 2012 il fatturato di Cedacri ha proseguito nella sua crescita. In particolare, i servizi elaborativi per i sistemi informativi bancari rappresentano sempre la quota maggiore dei ricavi della società, ma assumono crescente rilevanza le entrate generate dai servizi di facility management, rivolti non solo al tradizionale mercato bancario ma anche al mondo delle aziende industriali e di servizi.

 

Il margine operativo lordo (EBITDA) è cresciuto in modo significativo grazie all’aumento dei ricavi e all’azione di contenimento dei costi, che ha consentito di registrare una buona riduzione delle spese di esercizio (-2,4% rispetto al 2011).

 

I risultati registrati nel 2012 sono stati conseguiti a fronte di significativi investimenti effettuati in nuove soluzioni, sistemi e infrastrutture. Per l’evoluzione strategica dei propri sistemi e delle applicazioni IT, infatti, Cedacri ha continuato a investire sulla scia degli esercizi precedenti, arrivando così ad allocare risorse pari a oltre 100 milioni di Euro in tre anni. In particolare, nel 2012 è stata realizzata una ricca serie di progetti per l’evoluzione della piattaforma applicativa, sia per adeguarla alle nuove normative sia per arricchirla di nuove funzionalità. Nel corso del 2012 numerose sono state le soluzioni introdotte con successo sul mercato: dalla piattaforma Front End Unico alle nuove applicazioni per la gestione dei processi del Credito, dal sistema di firma biometrica alla soluzione di mobile payment.

 

Nel 2012 la parola chiave per Cedacri è stata innovazione: importanti investimenti in nuove tecnologie e innovative soluzioni applicative, a supporto dell’efficienza ed efficacia dei nostri clienti, ci hanno consentito di rendere sempre più competitiva la nostra offerta e i risultati conseguiti ci hanno premiato”, commenta Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri.

 

I risultati 2012 del Gruppo Cedacri

 

Nel corso del 2012 il Gruppo Cedacri ha proseguito nel proprio sforzo di contenimento dei costi, con lo scopo di trasferire parte di tali efficientamenti alla propria clientela, e ha continuato a migliorare la propria proposta commerciale, facendo leva anche sulle competenze di sviluppo software e integrazione dei sistemi informativi portate in dote da SiGrade. Nel 2012 l’operazione di acquisizione di SiGrade, conclusa nel dicembre 2011, ha confermato praticamente la sua strategicità. Essa ha permesso al Gruppo Cedacri di aumentare le proprie competenze nell’ambito della system integration, per offrire servizi alle grandi istituzioni finanziarie ed industriali, con alcune delle quali SiGrade vanta da tempo una relazione duratura, generando significative opportunità di cross selling con l’offerta completa del Gruppo Cedacri.

 

Il Gruppo ha puntato ad allargare il proprio portafoglio di clienti muovendosi sia all’interno del tradizionale mercato bancario sia nel settore finanziario non bancario e nel comparto delle aziende industriali e di servizi, principalmente attraverso la propria offerta di gestione esternalizzata dell’infrastruttura tecnologica (facility management). Nello sforzo di espansione nei mercati non bancari ha giocato un ruolo importante anche
C-Global, la società del Gruppo specializzata nella gestione dei processi di business in outsourcing, che, se da un lato è riuscita a rafforzare la propria leadership nel settore bancario, dall’altro ha fatto anche il suo ingresso in altri mercati, come quello delle Utility, per la gestione di processi di back office complessi.

 

Uno sguardo sul futuro: le prospettive di business per il triennio 2013-2015

 

Alla luce dell’andamento del business nel 2012 e in considerazione degli attuali scenari competitivi, Cedacri ha rimodulato il proprio piano industriale tracciando le linee di sviluppo strategico per il periodo 2013-2015.

 

Cedacri conferma il proprio focus sul mercato bancario, con l’intenzione di estendere ulteriormente la propria presenza nel segmento delle banche di medie dimensioni, con le sue tre linee di business: outsourcing di sistemi informativi, servizi di facility management e system integration. L’azienda è intenzionata a rafforzare il proprio posizionamento nel settore assicurativo e nel comparto delle aziende industriali e di servizi, in cui dal 2010 a oggi ha ottenuto una significativa penetrazione.

 

Per raggiungere i propri obiettivi di crescita, Cedacri continuerà a puntare sull’innovazione e sul miglioramento della qualità del servizio, confermando anche per il 2013 investimenti per oltre 30 Mln di euro per l’evoluzione dei propri sistemi e delle proprie soluzioni. In particolare, Cedacri concentrerà i propri sforzi di sviluppo nelle aree della Multicanalità, dei Crediti, della Finanza e della Monetica, a favore dell’innovazione dei modelli di business dei propri clienti in ambito bancario.

Fondamentali per la crescita nei comparti non bancari, invece, continueranno a essere i servizi di facility management e di sviluppo di soluzioni software su misura.

 

Per il 2013, e gli anni a venire, confermiamo il nostro impegno sul fronte dell’innovazione. Siamo convinti, infatti, che il nostro modello di outsourcing, basato sulla condivisione degli investimenti, sia quello vincente per noi e per i nostri clienti. L’utilizzo delle nuove tecnologie e i sistemi applicativi innovati permettono a Cedacri di differenziarsi dalla concorrenza, garantendoci una crescita continua, e ai nostri clienti permettono di innovare i loro prodotti e processi per aumentare il cross selling ed efficientare i processi” spiega Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri.

Commenti disabilitati su Cedacri annuncia i risultati del 2012 e delinea le prospettive di sviluppo del business per il 2013-2015

Archiviato in Comunicati Stampa

Gian Paolo Martini è il nuovo Amministratore Delegato di C-Card, Gruppo Cedacri

Martini è alla guida di C-Card, la società controllata al 100% da Cedacri specializzata nell’emissione e nella gestione delle carte di credito

Gian Paolo Martini, Amministratore Delegato di C-Card, Gruppo CedacriCollecchio (Parma), 9 aprile 2013 – Il Gruppo Cedacri, focalizzato sullo sviluppo di soluzioni di outsourcing applicativo, infrastrutturale e di processo, annuncia la nomina di Gian Paolo Martini a nuovo Amministratore Delegato di C-Card, l’azienda del Gruppo specializzata nell’emissione e nella gestione delle carte di credito. Martini affiancherà tale carica a quella di Presidente di SiGrade, ricoperta dal gennaio 2011; SiGrade è la società del Gruppo Cedacri attiva nello sviluppo di soluzioni software e nell’integrazione dei sistemi informativi. La nomina di Martini è stata votata all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione di C-Card, presieduto da Giuseppe Zadra, recependo così le indicazioni della capogruppo Cedacri.

 

Nel nuovo ruolo, Gian Paolo Martini avrà la responsabilità di guidare e sostenere la crescita di C-Card, che si propone come gestore unico dell’intera catena del valore legata alle carte di credito, con l’obiettivo di sostenere le banche, in particolare i gruppi territoriali di medie dimensioni, nel massimizzare il ritorno conseguibile dalla gestione dei sistemi di pagamento. Prima società ad essere stata iscritta da Banca d’Italia nell’Albo degli Istituti di Pagamento e dunque autorizzata ad operare quale Payment Institution, C-Card si propone anche come partner qualificato per le realtà extra-bancarie interessate a cogliere le opportunità offerte dalla regolamentazione PSD (Payment Services Directive), fornendo ai propri clienti servizi di monetica senza affrontare pesanti investimenti in strutture interne.

 

Gian Paolo Martini è un professionista di profonda esperienza, da sempre inserito nelle dinamiche del business bancario e con una chiara visione dell’evoluzione del settore dei pagamenti, per il quale C-Card rappresenta ormai un punto di riferimento in Italia”, dichiara Sergio Capatti, Presidente di Cedacri. “Sono certo che Martini saprà affrontare le sfide del business di C-Card con la stessa passione che ha profuso in SiGrade, contribuendo così a rafforzare ulteriormente la nostra azienda”.

 

A nome del Consiglio di Amministrazione di C-Card, esprimo viva soddisfazione per la nomina di Gian Paolo Martini, il cui profilo si distingue per professionalità ed esperienza”,  commenta Giuseppe Zadra, Presidente di C-Card. “Faccio a Martini vivissimi auguri di buon lavoro, garantendogli tutta la mia più costruttiva collaborazione per continuare a perseguire insieme il successo della società”.

 

Gian Paolo Martini ha sviluppato tutta la sua carriera nel settore bancario. Dopo una lunga esperienza presso l’Istituto Bancario San Paolo di Torino, in cui è giunto a ricoprire incarichi dirigenziali dal 1981 al 1985, ha successivamente svolto la funzione di Direttore Generale in tre importanti istituti finanziari del Centro-Nord: Banca Emiliana, Cassa di Risparmio della Spezia e Banca Monte Parma. In virtù del suo ruolo in Banca Monte Parma, è stato anche Membro del Consiglio di Amministrazione di Cedacri dal 2010 al 2011. Nel gennaio 2011 è approdato in SiGrade, mettendo a disposizione della società tutta la sua profonda conoscenza del settore bancario.

Commenti disabilitati su Gian Paolo Martini è il nuovo Amministratore Delegato di C-Card, Gruppo Cedacri

Archiviato in Comunicati Stampa

Cedacri apre la sede di Collecchio ai bambini con l’iniziativa “Bimbi in ufficio con mamma e papà

Si è svolta oggi, presso la sede centrale del Gruppo, una giornata di giochi e iniziative pensate per i figli dei dipendenti Cedacri. Obiettivo: far conoscere ai bimbi il luogo in cui i loro genitori passano tante ore della giornata

Collecchio (Parma), 2 aprile 2013 – Si è tenuta oggi negli uffici Cedacri di Collecchio la prima edizione dell’iniziativa “Bimbi in ufficio con mamma e papà”. Una giornata di festa e condivisione tagliata su misura per i figli dei dipendenti del Gruppo. Un centinaio di bambini hanno aderito a questo speciale appuntamento, partecipando alle diverse proposte di gioco e intrattenimento ideate appositamente per loro. L’azienda ha voluto così consentire ai figli dei propri dipendenti di conoscere l’ambiente in cui i loro genitori lavorano ogni giorno, trasformando una giornata di ordinaria routine in un’occasione educativa per i più piccoli e in un momento da ricordare per tutta l’azienda.

I bambini, di età compresa fra i 3 e i 13 anni, hanno riempito per l’intera giornata il quartier generale di Cedacri con risate e colori, seguiti con cura da personale interno appositamente selezionato e da educatori e istruttori esterni. Divisi per fasce d’età, sono stati coinvolti in numerose attività educative e ludiche: il laboratorio di pittura creativa, la costruzione di un teatrino di marionette, diversi laboratori visivi e creativi, il Sanremo dei piccoli e l’allenamento di mini rugby. Attraverso le diverse iniziative, si è cercato di trasmettere ai più giovani importanti valori che ispirano quotidianamente anche tutti coloro che lavorano in Cedacri, come l’importanza del gioco di squadra e della creatività per trarre il massimo dalle situazioni di ogni giorno.

La giornata odierna è stata particolarmente preziosa e gioiosa per tutti noi”, ha commentato Francesco Mucci, Responsabile Risorse Umane, Organizzazione, Relazioni Industriali del Gruppo Cedacri. “Ci ha permesso infatti di avvicinare i nostri figli alla vita dell’azienda, facendoli sentire a casa là dove i loro cari lavorano, ma è stata anche un’importante occasione  per noi stessi, per rafforzare i valori che ci ispirano ogni giorno”.

Cedacri ringrazia tutti i dipendenti per la numerosa partecipazione all’iniziativa e in particolar modo la preziosa collaborazione dei colleghi: Marco Ferrarini, Gerald Kamberi, Laura Strambi, Tiziana Balatti, Ines Seletti, Mattero Formentini, Mariachiara Paini, Manuela Dessi, Elena Burato, Aldo Menichelli, Elisa Prandi, Costanza D’Este, Gianni Montali e Giancarlo Alinovi, oltre al personale specializzato del Rugby Noceto, Tata Bice, Terra dei Colori, Snow Global edition e Helen Doron – Early English.

Commenti disabilitati su Cedacri apre la sede di Collecchio ai bambini con l’iniziativa “Bimbi in ufficio con mamma e papà

Archiviato in Comunicati Stampa

La soluzione CKit di Cedacri vincitrice al Forum ABI Lab 2013

CKit, progettata per consentire alle banche di sviluppare un contatto personalizzato e continuo con il cliente, si è imposta nel concorso indetto per individuare la tecnologia più innovativa dell’evento

Collecchio (Parma), 28 marzo 2013 – CKit (Cedacri Keep-In-Touch), la nuova soluzione in mobilità, multicanale e completamente integrata che avvicina il cliente alla banca, si è aggiudicata il primo posto nel concorso indetto per premiare la tecnologia più evoluta presente al Forum ABI Lab 2013, la due giorni focalizzata sull’innovazione IT nel settore bancario. La nuova piattaforma di Cedacri ha raccolto infatti il maggior numero di voti fra gli istituti bancari che hanno visitato l’area dimostrativa della manifestazione dedicata al tema “BANKin TOUCH”. L’azienda si aggiudica il premio per il secondo anno consecutivo, dopo aver trionfato nel 2012 con la piattaforma di filiale Front End Unico.

La soluzione CKit (Cedacri Keep-In-Touch), presentata in anteprima da Cedacri al Forum ABI Lab, permette alla banca, in modo semplice e immediato, di essere in contatto continuo con tutti i propri clienti. CKit consente infatti di costruire una nuova banca multicanale completamente integrata, abilitando gli istituti all’utilizzo di tutte le piattaforme di comunicazione per interagire con clienti e prospect in ogni luogo e situazione.

CKit integra e orchestra canali fisici (ATM) e digitali (Smartphone/Tablet/TV) attraverso un modello d’interazione in grado di riconoscere i clienti e i prospect e di offrire loro proattivamente servizi e soluzioni personalizzate sulla base delle singole necessità, reali o potenziali.

Il successo ottenuto al Forum ABI Lab con CKit rappresenta per Cedacri motivo di grande soddisfazione e conferma, dopo la vittoria dello scorso anno con la piattaforma di filiale Front End Unico, la nostra capacità di portare sul mercato soluzioni in grado di innovare significativamente il modo in cui le banche fanno business”, commenta Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri. “CKit proietta su una nuova dimensione la relazione fra banca e cliente, chiudendo il cerchio della multicanalità per favorire azioni di cross-selling e up-selling su ciascun cliente”, conclude Salvatore Stefanelli.

Dal terminale ATM alla filiale via smartphone

Gli scenari di applicazione di CKit sono molteplici. Ad esempio, la soluzione aiuta ad  avvicinare il cliente alla filiale partendo dalla sua interazione con il terminale ATM e facendo poi leva  sullo smartphone.

CKit permette in primo luogo al cliente di effettuare i cosiddetti prelievi mobile. Il cliente può infatti predisporre il prelievo direttamente via smartphone, indicando sull’apposita app CKit installata sul cellulare la cifra da prelevare e ottenendo di ritorno un codice numerico. Giunto al terminale ATM, l’utente digita semplicemente tale codice sulla tastiera, senza dover inserire la carta, e il dispositivo elargisce la somma di denaro. Nel momento in cui il cliente ritira il contante, CKit gli suggerisce tramite lo stesso terminale ATM, in modo personalizzato, eventuali ulteriori attività da svolgere insieme al personale di filiale. Per esempio, il terminale ATM può ricordare all’utente la prossima scadenza di un’obbligazione e proporgli un incontro in filiale con un consulente per fare il punto sul proprio portafoglio personale di investimenti. Se l’utente acconsente, il sistema gli dà visibilità sull’agenda dei gestori e la possibilità di fissare un incontro; CKit provvede di conseguenza a sincronizzare l’applicazione sullo smartphone del cliente, inserendo gli estremi dell’appuntamento nel calendario. Nei giorni successivi, la stessa app provvede a ricordare l’incontro al cliente e, nel momento in cui egli giunge in filiale, avverte il consulente del suo arrivo. Ciò avviene grazie a un sistema basato sulla piattaforma HI Shop di Reply per la diffusione di frequenze audio non udibili dall’orecchio umano, che viene installato, tramite semplici altoparlanti, nella sede della banca. Tale sistema trasmette segnali ultrasuoni che l’app sullo smartphone del cliente riesce a intercettare; quando ciò avviene, l’app in questione invia un segnale al sistema informativo centrale, che CKit traduce in una notifica “push” visualizzata dal consulente di filiale all’interno dell’applicativo Front End Unico Cedacri. Insieme alla notifica, il sistema fornisce al consulente anche un quadro completo del cliente e del suo portafoglio e una serie di indicazioni per ottimizzare la gestione dell’appuntamento.

Dalla pubblicità alla filiale via smartphone

Un secondo possibile scenario di applicazione di CKit prevede l’avvicinamento del cliente alla filiale partendo da un messaggio pubblicitario e sfruttando ancora una volta le potenzialità degli smartphone.

CKit può essere impiegato infatti anche per indurre un cliente attuale o potenziale all’azione quando si trova di fronte a un messaggio pubblicitario, sia esso un’affissione, un’inserzione su una rivista o uno spot televisivo relativo a una particolare offerta. In quest’ultimo caso, nel corso dello spot la banca può invitare lo spettatore a scaricare l’app sul proprio smartphone e ad attivarla in occasione di un successivo passaggio pubblicitario. Tramite la stessa tecnologia di comunicazione audio utilizzata in filiale, al seguente passaggio dello spot, dal televisore giunge alla app un segnale che fa avviare lo scaricamento di contenuti di approfondimento sull’offerta oggetto del messaggio pubblicitario. L’app suggerisce inoltre al potenziale cliente di entrare immediatamente in contatto con un consulente via chat o videoconferenza per maggiori informazioni o di incontrarlo personalmente in filiale per sottoscrivere l’offerta. Qualora l’interazione avvenga con un utente che è già cliente della banca, il sistema può dargli anche la possibilità di ricevere il contratto direttamente sullo smartphone e di firmarlo tramite un certificato digitale precedentemente rilasciatogli dall’istituto. Nel caso di un’inserzione stampa o di un’affissione, lo stesso processo viene attivato tramite tecnologia QR Code. In questo caso, l’utente legge il QR Code inserito nel messaggio pubblicitario tramite l’app installata sullo smartphone. Si attiva così lo scaricamento dei contenuti di approfondimento e si aprono tutte le possibilità di interazione con il personale bancario.

Commenti disabilitati su La soluzione CKit di Cedacri vincitrice al Forum ABI Lab 2013

Archiviato in Comunicati Stampa