Archivi tag: Multicanalità integrata

Al Forum ABI Lab 2014 Cedacri supporta l’efficacia commerciale della banca multicanale

Milano –  Spazio Eventiquattro (sede Il Sole 24 ORE), 18 e 19 marzo

In occasione del Forum, Cedacri presenta in anteprima SNAP, la piattaforma che permette di proporre in tempo reale ai clienti offerte e incentivi personalizzati su tutti i canali, e approfondisce insieme a InfoCert tutte le opportunità aperte dalle tecnologie a supporto delle vendite da remoto

  Collecchio (Parma), 17 marzo 2014 – Cedacri, leader in Italia nei servizi informatici per il settore bancario e le istituzioni finanziarie, annuncia la propria partecipazione alla decima edizione del Forum ABI Lab, che si terrà il 18 e 19 marzo 2014 allo Spazio Eventiquattro, presso la sede de Il Sole 24 ORE (Milano, Via Monte Rosa 91).

 La manifestazione, principale appuntamento in Italia sulle tecnologie a supporto del business bancario, ruota quest’anno intorno al tema “Una nuova rotta verso l’innovazione bancaria”: vuole essere infatti l’occasione per riflettere su come l’evoluzione della domanda, le innovazioni tecnologiche e regolamentari e il contesto economico spingano le banche italiane a rivedere il proprio modello distributivo e di servizio, per razionalizzare le strutture di costo e venire incontro alle esigenze di una clientela sempre più esigente e attenta all’offerta di servizi aggiuntivi. In linea con il tema dell’evento, Cedacri illustrerà il proprio modello di multicanalità integrata, che consente di generare una customer experience ricca e coerente per ciascun cliente e in cui i canali digitali non sono solo luoghi di servizio, ma anche ambienti in cui sviluppare nuove opportunità di vendita e, più in generale, perseguire gli obiettivi commerciali che la banca si pone.

 In quest’ottica, al Forum ABI Lab 2014 Cedacri presenterà in anteprima la sua innovativa piattaforma SNAP, che concretizza perfettamente la visione dell’azienda per la multicanalità e si configura come una piattaforma che integra l’applicazione di CRM strategico con logiche di social networking, couponing e royalty. SNAP consente in primo luogo di intercettare le esigenze del cliente tramite un’analisi delle azioni che egli conduce sui canali diretti (Home Banking o Mobile Banking) o tramite prodotti (carte di pagamento, POS) della banca, sui social network o attraverso strumenti innovativi come i Google Glass; permette quindi di intervenire sul singolo cliente attraverso la proposta di offerte ad hoc o incentivi personalizzati (i cosiddetti coupon) che, rispondendo in modo mirato alle sue caratteristiche e ai suoi comportamenti, consentono alla banca di raggiungere più facilmente i propri obiettivi commerciali.

 SNAP è in sostanza un motore decisionale in grado di determinare in tempo reale quale proposta commerciale o coupon destinare al singolo cliente in funzione del suo Profilo Arricchito, costantemente aggiornato. Tale Profilo si alimenta dei dati messi a disposizione dalla piattaforma di CRM Strategico di Cedacri e da numerose altre fonti: anagrafica del cliente, dati pubblici relativi alla sua navigazione sui Social Network, operazioni da lui svolte con i prodotti bancari (ad esempio POS e carte di pagamento) o sui canali diretti della banca (sistema di Home Banking o Mobile Banking).

Maggiori dettagli sugli scenari di applicazione di SNAP sono disponibili nell’Appendice 1.

 Il Gruppo Cedacri contribuirà anche al programma convegnistico del Forum in due distinti momenti, focalizzandosi in entrambi sul tema della multicanalità e in particolare delle tecnologie a supporto delle attività commerciali sui canali diretti.

  • Martedì 18 alle ore 11.25, nella sessione “Nuovi Modelli di Interazione – Integrazione tra canali e customer experience” dell’area Case Study, Roberto Manini, Responsabile della Direzione Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale di Cedacri, e Massimo Ricci, Head of Premier & Retail Segment Barclays RBB Italy, terranno un intervento congiunto sul tema della gestione della relazione con la clientela, illustrando i modelli e le piattaforme digitali adottate concretamente da Barclays per ottimizzare tali processi.
  • Mercoledì 19 alle ore 14.30, Cedacri promuove insieme a InfoCert il convegno “L’evoluzione del remote selling verso una relazione multicanale integrata abilitata da processi digitalizzati”. Tale momento di approfondimento, frutto della partnership fra le due aziende, sarà occasione per comprendere come accrescere sensibilmente i risultati commerciali sui canali diretti (web e dispositivi mobili) grazie alle tecnologie oggi disponibili. Verrà presentata in particolare l’avanzata piattaforma di remote selling proposta da Cedacri e InfoCert, che consente di perfezionare i contratti a distanza attraverso procedure completamente dematerializzate.

 “Intercettare in modo tempestivo le esigenze dei clienti e rispondervi in modo mirato sfruttando tutti i canali disponibili rappresenta oggi una priorità per le banche, chiamate ad accrescere la loro efficacia commerciale per rimanere competitive. Ugualmente, per ottimizzare i risultati di business è importante riuscire a integrare perfettamente le attività di consulenza e di vendita sui canali diretti attraverso processi dematerializzati all’origine”, spiega Salvatore Stefanelli, Direttore Generale di Cedacri. “Al Forum ABI Lab avremo l’occasione di mettere in mostra le tecnologie e le piattaforme più avanzate con cui affrontare queste sfide: si tratta di soluzioni che Cedacri ha messo a punto per abilitare modelli vincenti di banca digitale e multicanale, qualunque sia la tipologia e la dimensione dell’istituto che scelga di adottarle”.

 ******************

Appendice 1 – Gli scenari di applicazione di SNAP

 Le prospettive di utilizzo di SNAP sono molteplici: al Forum ABI Lab le banche potranno intuirne tutte le potenzialità con la simulazione di tre scenari d’uso.

 Primo Scenario – Fidelizzare clienti privati e business tramite iniziative di couponing veicolate su dispositivi mobili o tramite Google Glass

I coupon vengono proposti al cliente ogni volta che egli effettua una serie di azioni, individuate preventivamente dalla banca, come ad esempio un pagamento con la sua carta di credito, per “premiarlo” a seguito dell’uso intensivo degli strumenti dell’istituto; il motore decisionale di SNAP propone all’utente in tempo reale un coupon premio, in linea con il suo profilo, la sue preferenze sui social network e le sue abitudini di consumo, attingendo da un “catalogo” che ciascuna banca può costruire facendo leva sulle proprie partnership commerciali e coinvolgendo i propri clienti corporate sul territorio (esercizi commerciali, ristoranti, etc.). SNAP tiene conto anche della posizione dell’utente, rilevata quando egli utilizza l’applicazione di Mobile Banking tramite cellulare o Google Glass o quando finalizza il pagamento con carta di credito tramite POS: in questo modo, i coupon possono essere selezionati dal motore decisionale anche in funzione di dove si trovi il cliente in quel momento o di dove viva abitualmente.

 Secondo Scenario – Mantenere clienti ad alta probabilità di abbandono attraverso campagne commerciali sul canale di Home Banking

SNAP “intercetta” operazioni critiche che l’utente sta compiendo tramite Home Banking, come ad esempio una serie di operazioni tra cui il trasferimento di fondi e, se identifica un’azione di abbandono, propone in tempo reale delle offerte d’investimento particolarmente vantaggiose e allineate al profilo del cliente (prima che si concluda l’operazione di trasferimento fondi avviata dall’utente), per evitare il concretizzarsi dell’abbandono. SNAP riesce a distinguere le operazioni di normale attività da quelle di abbandono attraverso l’analisi semantica delle azioni svolte in tempo reale o nel passato dall’utente.

 Terzo Scenario – Realizzazione di campagne proattive sui clienti più predisposti verso un determinato prodotto/servizio, intercettandoli attraverso le loro azioni sui social network.

Il motore decisionale di SNAP rileva quando un cliente, attraverso interazioni pubbliche sui social network, ricerca informazioni o offerte, ad esempio, di mutuo o finanziamento. SNAP conduce un’analisi semantica dei dati generati dal cliente nelle sue interazioni social e integra queste informazioni nel suo Profilo Arricchito. Una volta identificato il prodotto che il cliente sta cercando, non appena questi si collega al sistema di Home Banking, SNAP gli propone quindi proattivamente un’offerta di finanziamento: un’azione commerciale mirata, dunque, in risposta a un’esigenza che il cliente non aveva direttamente espresso alla banca.

Commenti disabilitati su Al Forum ABI Lab 2014 Cedacri supporta l’efficacia commerciale della banca multicanale

Archiviato in Comunicati Stampa

Cedacri e InfoCert stringono una partnership strategica per l’evoluzione del remote selling

Le due società hanno sviluppato una soluzione di vendita da remoto con firma digitale evoluta che consente a banche e compagnie assicurative di accrescere sensibilmente i risultati commerciali sui canali diretti (web e dispositivi mobili).

Al via una collaborazione anche per l’evoluzione degli ATM.

 

Collecchio (Parma) e Roma, 9 dicembre 2013 – Cedacri, società leader in Italia per lo sviluppo di soluzioni di outsourcing rivolte al mercato bancario, e InfoCert, una delle maggiori Certification Authority a livello europeo per la firma digitale, annunciano una partnership strategica che mette a disposizione del mercato bancario e assicurativo una soluzione in grado di abilitare la vendita da remoto di prodotti finanziari direttamente sul web e sui dispositivi mobili, attraverso processi completamente dematerializzati. In prospettiva, la partnership intende concentrarsi anche sull’evoluzione degli ATM, affinché questi dispositivi possano divenire piattaforme di vendita da remoto.

L’attuale partnership fra Cedacri e InfoCert prende le mosse dalla collaborazione avviata su clienti comuni attivi nel settore bancario, che ha portato le due società a mettere a fattor comune le rispettive specializzazioni per sviluppare una soluzione di remote selling corredata dai più evoluti sistemi di firma digitale oggi disponibili nel rispetto delle normative italiane. Nello specifico, Cedacri ha apportato la propria esperienza verticale nello sviluppo di piattaforme per il settore finanziario deputate alla creazione e gestione di una Customer Experience ricca e univoca per ciascun cliente su qualunque canale d’interazione (Web, mobile, ATM, contact center e filiale). InfoCert, invece, ha contribuito con le proprie competenze specialistiche in tema di dematerializzazione, in particolare per quanto riguarda la firma digitale e la gestione del documento informatico a valore legale.

Nell’ultimo anno e mezzo, in effetti, la normativa relativa alla firma elettronica ha subito importanti evoluzioni grazie all’emanazione del Decreto del 22 febbraio 2013, a seguito delle quali InfoCert ha potuto sviluppare nuove soluzioni di firma digitale remota già validate dall’AgID (Agenzia per l’Italia digitale). Tali nuove soluzioni consentono di assegnare a un soggetto uno strumento di firma remota (costituito da user id, password e one-time password) grazie alle modalità remote di identificazione eseguite dalla Banca, come il bonifico bancario o nel prossimo futuro la carta di credito, nel caso in cui il soggetto disponga di un conto corrente. Queste modalità innovative risolvono il limite dei processi di rilascio della firma digitale – ossia la necessità di una identificazione certa in presenza di un incaricato della CA – e sono frutto della ricerca e dell’esperienza di InfoCert nell’ambito della gestione dell’identità digitale.

Per i soggetti non bancarizzati, ossia senza conto corrente, InfoCert ha sviluppato una modalità innovativa di identificazione de visu da remoto tramite webcam, approvata dall’Agenzia per l’Italia Digitale e dal Garante per la Protezione dei dati Personali. Il processo di riconoscimento è brevettato, è il risultato di significativi investimenti in ricerca e sviluppo, ed apre scenari di interazione con il cliente fino ad oggi impensabili.

Con l’integrazione delle soluzioni di firma remota di InfoCert nei sistemi Cedacri per la multicanalità, le banche possono finalmente aprirsi a nuove modalità di vendita da remoto: è possibile infatti dare a qualunque soggetto la possibilità di sottoscrivere un contratto per l’acquisto di un prodotto finanziario, anche se non è già cliente della banca che sta proponendo l’acquisto e perfino nel caso in cui non disponga di un conto corrente presso alcun istituto. La piattaforma di remote selling di Cedacri e InfoCert integra anche un sistema di marcatura temporale, che permette di certificare digitalmente il giorno e l’ora in cui è stato sottoscritto il documento digitale e di perfezionare così i contratti tramite una validazione temporale opponibile a terzi.

Le piattaforme di Home e Mobile Banking diventano così uno dei “luoghi virtuali” in cui è possibile non solo avviare le attività di vendita ma anche concludere il ciclo commerciale, giungendo alla sottoscrizione del contratto direttamente in digitale. Tutto il ciclo di vita del documento viene gestito in modo dematerializzato, con significativi benefici sul fronte dell’efficienza operativa, della sicurezza e della riduzione dei costi.

Grazie alle sue caratteristiche, la nuova piattaforma di remote selling si propone anche come un valido supporto per rendere più efficace il lavoro dei promotori finanziari e degli agenti assicurativi: ovunque si trovi, infatti, il promotore/agente può utilizzare un tablet per fornire sul momento al potenziale cliente uno strumento di firma digitale e concludere così la sottoscrizione del contratto in tempo reale e in modalità paperless.

Cedacri e InfoCert stanno lavorando inoltre congiuntamente per progettare un’evoluzione strategica degli ATM che consenta di rendere anche questi dispositivi delle piattaforme di remote selling a tutti gli effetti. Cedacri già da tempo sostiene le banche per arricchire la gamma dei servizi erogati tramite ATM e per integrare in modo coerente questo canale nei processi di CRM. In prospettiva, con la loro collaborazione, Cedacri e InfoCert faranno sì che gli ATM diventino anche punti di vendita dei prodotti bancari, oltre che di servizio.

La collaborazione fra Cedacri e InfoCert ha permesso di dar vita rapidamente a una soluzione che esprime appieno la nostra idea di banca digitale: un istituto che è in grado di offrire al cliente un’esperienza multicanale coerente su qualunque piattaforma, integrandovi perfettamente le attività di vendita attraverso processi dematerializzati all’origine. Lo stesso vale per le compagnie assicurative”, ha dichiarato Roberto Manini, Responsabile Direzione Gestione Clienti e Sviluppo Commerciale di Cedacri. “Siamo certi che il mercato saprà apprezzare le enormi potenzialità commerciali di questa soluzione, che trasforma canali diretti come il Web e i dispositivi mobili in luoghi di consulenza e di vendita, al pari della filiale bancaria o dell’agenzia assicurativa”.

La nostra profonda esperienza nel campo dei sistemi di firma elettronica ci ha permesso di sviluppare soluzioni che consentono agli operatori del settore finanziario di cogliere appieno le opportunità aperte dalla nuova normativa italiana per la sottoscrizione da remoto dei contratti d’acquisto”, ha commentato Claudio Scaramelli, Direttore Commerciale Imprese e Partner di InfoCert. “Unendo i nostri sistemi di firma alle piattaforme applicative Cedacri, le banche e le assicurazioni possono oggi finalizzare le vendite sui canali diretti anche con chi non è già cliente e perfino con chi non è ancora utente di nessuna banca: un’opportunità enorme per intercettare ad esempio quell’ampio bacino di giovani che utilizza in modo privilegiato il web e i dispositivi mobili e che, pur non avendo ancora un conto corrente, potrebbe essere interessato a prodotti finanziari di varia natura, dalle carte ricaricabili ai prestiti, fino alle polizze auto e ai prodotti d’investimento”.

Commenti disabilitati su Cedacri e InfoCert stringono una partnership strategica per l’evoluzione del remote selling

Archiviato in Comunicati Stampa